chi ha capito l'importanza della nicchia di mercato

Chi ha capito che trovare la nicchia di mercato è fondamentale?

Avviare un business online è un’attività imprenditoriale in piena regola e quando parliamo di  Imprenditori di successo sembra che stiamo parlando di una figura mitologica.

Qualcuno che conosce il marketing, che motiva i propri collaboratori, un artista della comunicazione e del team building in un’unica persona. Insomma sembra che stiamo parlando del cugino più prossimo di superman.

In molti casi può essere vero e potremmo parlarne all’infinito ma, in questo articolo voglio concentrarmi su un aspetto  molto specifico che semplifica o complica la vita di chi avvia un business online in tutti gli ambiti lavorativi. Voglio parlartene mettendo a confronto 2 ipotetici titolari d’azienda.

Uno, che chiameremo Paolo, considera la nicchia di mercato come una trovata degli “esperti” di marketing per vendere più consulenze.

L’altro, che chiameremo Antonello, considera la nicchia di mercato come un aspetto fondamentale da cui partire per creare qualsiasi business online, senza il quale non inizia nessuna nuova avventura.

A che cosa serve la nicchia di mercato?

Se facessi un’intervista a Paolo e Antonello molto probabilmente la prima intervista sarebbe questa.

Bene, dopo aver parlato con decine e decine di persone che vogliono avviare i loro business online, ritengo di conoscere abbastanza bene sia Paolo che Antonello per simulare questa intervista, quindi quale sarebbe la loro risposta?

Paolo: serve a poco o nulla perché è semplicemente una trovata molto ingegnosa degli “espertoni” di marketing per vendere più consulenze e spillare soldi a chi fa business seriamente.

Antonello: conoscere la propria nicchia di mercato è fondamentale per stimare se un’idea di business può avere successo oppure no. Certo la certezza non esiste ma, analizzare il mercato e trovare la giusta nicchia di mercato può essere un grandissimo aiuto per sbagliare meno e raggiungere gli obiettivi aziendali più velocemente.

Queste convinzioni portano a delle azioni…

Puoi immaginare che il comportamento di Paolo e Antonello sarà completamente diverso cerchiamo, quindi, di capire a fondo qual è lo schema di comportamento che nasce da queste convinzioni.

Paolo: ovviamente considerando la ricerca della nicchia di mercato come una perdita di tempo, Paolo si concentrerà su quelle che sono per lui le priorità e si mette subito a creare il logo e il sito web (dovrà avere una grafica innovativa).

Alcune volte si spinge addirittura nella creazione di una app perché è un’idea innovativa e “fa figo”.

Spesso Paolo non è un tecnico quindi ha bisogno di qualcuno che ne capisca di programmazione e ci sappia fare con il computer, d’altronde che ci vuole a creare un sito web?

Quando però contatta qualche professionista (nel caso in cui non ha un cugino smanettone) questo gli chiede chi sono i suoi clienti, qual è il concetto dietro al logo, quali dovrebbero essere i colori dominanti, ecc.

La risposta di Paolo è semplice: sei tu l’esperto mica devo essere io a dirti come farlo. A questo punto il professionista si mette al lavoro per preparare le prime demo da mostrare a Paolo.

Intanto che cosa ha combinato Antonello?

Sa che tutto inizia dalla scelta della giusta nicchia di mercato quindi si mette al lavoro per individuare i 3 elementi fondamentali (target, problema e posizionamento) e cerca di combinarli al meglio.

Questo periodo richiede giorni interi di lavoro, in alcuni casi anche settimane, dedicate a brainstorming, analisi e valutazioni.

Questa è la prima fase e finché non sarà completata Antonello non spenderà un euro per fare nulla.

Qual è quindi il secondo passo?

Le frustrazioni per Paolo iniziano a farsi sentire: “Il grafico non capisce nulla e ha impiegato troppo tempo per creare un logo che non ha nulla a che fare con la mia fantastica idea”.

A questo punto torna a casa con un lavoro che lo soddisfa, se è fortunato, a metà è costretto ad accettare per via dei tempi troppo stretti.

Quindi cerca subito un altro esperto per creare il sito, questa volta non vuole sbagliare e si affida alla migliore agenzia sul mercato (che ha anche delle recensioni fantastiche e clienti internazionali).

Questa volta va a colpo sicuro finché la storia non si ripete e anche il nuovo fornitore inizia a fargli domande piuttosto specifiche:

  • Cosa deve comunicare il sito?
  • Chi sono i suoi clienti?
  • Qual è l’obiettivo del sito?
  • Che strategia verrà applicata?
  • Come farà lead generation?

L’unica differenza arriva nel momento in cui Paolo non riesce a rispondere alle domande, a quel punto l’agenzia capisce che si tratterebbe di un cliente fori target, che gli farebbe perdere tempo e che rimarrebbe comunque insoddisfatto.

Quindi l’agenzia contattata rifiuta il lavoro perché preferisce soddisfare le richieste di clienti migliori e, gli propone un servizio per individuare la sua nicchia di mercato.

Ecco quindi che Paolo inizia ad informarsi e decide di concentrarsi su questo passaggio, visto che ormai ha perso troppo tempo e del suo business online non se ne vede nemmeno l’ombra. Ora la stessa agenzia risolverà tutti i problemi.

Nel frattempo Antonello ha riconosciuto la sua difficoltà e come Paolo si affida alla stessa agenzia che lo aiuta a trovare la sua nicchia di mercato.

Anonello non si aspetta che qualcuno faccia tutto il lavoro al posto suo e, sa che un vero professionista può solamente semplificare l’individuazione della nicchia.

Sembra che a questo punto Paolo e Antonello siano allo stesso punto ma le cose stanno per prendere una direzione diversa.

Mentre Paolo non sa dare indicazioni all’agenzia perché devono essere loro a fare il lavoro, Antonello ha stabilito delle linee guida sui 3 elementi che ha analizzato con l’agenzia e ora sta cercando di chiudere il cerchio.

Come finisce per Paolo e Antonello?

Paolo, ovviamente deluso di questa esperienza, pensa che solo le grandi aziende possono fare business online perché hanno budget che lui nemmeno sogna.

Questo potrebbe anche essere vero se non esistesse Antonello che ora conosce la sua nicchia di mercato, sa come dovrà sviluppare il suo prodotto/servizio e ha una strategia di attacco per conquistare la sua nicchia.

A questo punto, dopo che ha scoperto che cosa vogliono i suoi clienti, è più semplice per lui dare indicazioni ad un grafico, creare il suo logo e sa se è meglio creare un sto web o una app (non si affida a quello che dice suo cugino).

Antonello sa anche che ha iniziato nel modo migliore il suo business online e sa che questo è solo l’inizio, tutto il lavoro di analisi e preparazione della strategia sono inutili se non diventano azioni.

Ecco perché nei prossimi mesi (e anni) l’unico pensiero di Antonello è quello di mettere in pratica la strategia elaborata con il consulente e aggiustarla strada facendo.

Morale della favola Paolo ha perso migliaia di euro per rimanere con un pugno di mosche in mano, Antonello ha creato le fondamenta per un business online solido.

Quali sono le differenze?

Paolo ha affidato il futuro della sua attività a persone esterne, che non conoscono il passato dell’azienda e il motivo per cui Paolo ha voluto avviare quell’attività. Risultato? Tanta confusione.

Antonello ha mantenuto il controllo del suo business e ha chiesto aiuto a dei consulenti esterni perché da solo non ce l’avrebbe mai fatta. Insomma ha capito che doveva essere aiutato e non sostituito.

Se Paolo è talmente testardo da seguire questa strada, ha investito tutto il suo budget in un sito web al’ultimo grido (tanto basta essere online perché i clienti arrivino) che non porterà mai nulla.

Antonello, ora che conosce la sua strategia, sa dove investire e ha capito che un sito web è inutile se non si integra in una strategia d’attacco. Ecco allora che investe buona parte del suo budget nell’ascuisizione clienti.

Tutto questo è nato da una semplice convinzione: la nicchia di mercato è importante oppure no?

Ora rivolgo a te questa domanda e ti chiedo vuoi essere l’ennesimo Paolo o vuoi fare come Antonello?

Mi raccomando aspetto una tua risposta fra i commenti.
Alessio

About The Author

Alessio Giampieri

Alla costante ricerca di nuove nicchie di mercato. La ricerca della strada più veloce e semplice per creare un business online è diventata la mia mission.

1 Comment

Leave A Response

* Denotes Required Field