Come creare un headline efficace in 3 semplici passi

Come ti avevo promesso, ecco come creare un headline efficace. Questo è il metodo che utilizzo anche io.

Certo non sempre faccio ogni singolo passggio, perché non tutti i titoli hanno la stessa importanza, ma lo utilizzo ogni volta che devo creare una pagina di vendita o una squeeze page.

Prima di tutto cerca di metterti nei panni del lettore, perché quello che vuoi catturare è la sua attenzione non la tua, quindi devi parlare dei suoi interessi e non dei tuoi, pensando sempre al suo modo di ragionare.

Se riesci a fare questo con precisione allora potresti anche non aver bisogno di trucchi psicologici, metodi o altro perché sai già qual è la strada migliore da prendere.

In ogni caso riuscire a mettersi nei panni del lettore non è sempre facile, e non tutti ci riescono. Allora cerca di dividere la creazione della tua headline in due fasi.

  • Fase creativa
  • Fase selettiva

1. Fase creativa

Prima di tutto crea una tabella, dove inserirai tutti gli elementi che conosci della tua nicchia di merrcato, desideri, passioni, frustrazioni ecc. Ti serviranno per aumentare l’impatto emotivo.

Una volta creata questa tabella, il passo successivo è scrivere tutti i titoli che ti vengono in mente (senza freni).

E’ importante che non ti fermi a pensare ma che scrivi di getto, come se fosse qualcun’altro che guida la tua mano.

A questo punto hai la tua tabella con le caratteristiche della tua nicchia, insieme a tutti i titoli che ti sono venuti in mente.

2. Fase selettiva

Adesso seleziona 4/5 headline (non di più), quelle con l’impatto emotivo maggiore e che abbiano tutte le caratteristiche di una buona headline:

  • Catturare l’attenzione
  • Persuasiva
  • Attraente
  • Mirata
  • Selettiva
  • Breve
  • Semplice
  • Onesta e credibile

In questa fase, cerca di analizzare in modo scientifico le varie headline, quindi fermati a pensare e ragiona su ognuna che leggi.

P.S. Un valido trucco per aumentare l’efficacia delle headline è inserire delle percentuali o numeri credibili.

Ho detto credibili perché esagerare con i numeri, anche se rispecchia la realtà, viene percepito come qualcosa di impossibile e quindi allontana il visitatore.

Per esempio scrivere “aumenta le tue vendite del 500% in un giorno” risuona come una favola (anche se vero), invece “aumenta le tue vendite del 20/30%” sembra più realizzabile.

3.  Ottimizzazione

Adesso che hai le tue 4/5 headline selezionate e ottimizzate, manca solo il tocco finale. Cioè pesare ogni singola parola.

Un headline è breve e va subito al dunque, deve catturare l’attenzione del visitatore ed è sotto osservazione, quindi vuoi ottimizzarla e per farlo hai bisogno di evitare ripetizioni, e parole che possono complicare il tutto, ma scegliere quelle con un impatto emotivo maggiore.

P.S.S. Se ancora non sai quale scegliere, fai degli split test.E’ l’unico metodo che può darti delle certezze.

About The Author

Alessio Giampieri

Alla costante ricerca di nuove nicchie di mercato. La ricerca della strada più veloce e semplice per creare un business online è diventata la mia mission.

4 Comments

  • Corso Copywriting

    Reply Reply gennaio 4, 2014

    Ottimo articolo! un ottimo modo per creare headline efficaci è anche inserire nella stessa incongruenza e mistero, in modo da persuadere il lettore a cercare la risposta nella pagina di vendita o blog post.

    W.B.P.L

    • Alessio Giampieri

      Reply Reply gennaio 6, 2014

      Grazie mille, per il tuo commento e per l’apprezzamento.

      Utilizzare il fattore curiosità e un pizzico di incongruenza (in maniera strategica) può essere una soluzione efficace in alcuni casi, anche se bisogna sempre fare attenzione a non confondere il lettore perché un lettore confuso non acquista, quindi bisogna mettere bene in evidenza le risposte alle domande che l’headline ha generato.

      Altra cosa, se si sceglie questa strada, è importante dare subito le risposte che il lettore cerca. E’ risaputo che sono pochi i secondi a disposizione e, se il lettore non trova quello che cerca, lascia la nostra pagina/sito e difficilmente ritorna.

      In ogni caso, è sempre bene fare dei test per capire quale versione può funzionare meglio, sei d’accordo anche tu?

  • Corso Copywriting

    Reply Reply gennaio 6, 2014

    A parer mio dipende molto dal tipo di prodotto, siamo una società basata sul piccolo assaggio, offriamo il “trucco” o “strategia” prima di mostrare davvero quello che l’utente cerca.

    Ho fatto dei test in merito, in genere se si scrive una pagina di vendita per una nicchia di mercato dove la clientela non è ferrata sul argomento, si può utilizzare la classica strategia:

    “Posso offrirti X.Y.Z, Ma Prima, Lascia Che Ti Spieghi A.B.C”

    Mentre utilizzando questa strategia con dei lettori più esperti, si manifesta ovviamente una percentuale di abbandono molto maggiore.

    Una variante molto importante nel comporre una headline o una pagina di vendita sta anche nel conoscere bene il proprio tipo ti lettore/cliente, poi in base a quello, ci si regola di conseguenza.

  • Alessio Giampieri

    Reply Reply gennaio 6, 2014

    Ottima riflessione, sicuramente hai toccato un punto fondamentale della questione, forse il più importante: conoscere bene il proprio lettore/cliente.

Leave A Response

* Denotes Required Field