dove cercare la nicchia di mercato?

Dove stai cercando la tua nicchia di mercato?

Per trovare una nicchia di mercato devi cercarla con il metodo giusto nel posto giusto

Sapevi che esistono solamente 2 modi per sbagliare una ricerca di mercato? Ignorare i 3 elementi che compongono la tua nicchia di mercato è l’errore più comune.

(Se ti trovi in questa situazione scarica la guida gratuita”La Giusta Nicchia Di Mercato“.)

L’altro errore invece è legato al luogo dove stai cercando la tua nicchia, eh già perché neanche con il faro più potente puoi trovare qualcosa se stai cercando nella direzione sbagliata. Quindi ti faccio una domanda molto precisa: “dove stai cercando la tua nicchia?”

I posti preferiti di solito sono Google e Facebook, quindi è spontaneo chiedersi: “Quale dei 2 è il posto migliore nella fase di analisi?”

Ora potrebbe sembrare che voglio darti una risposta comoda ma la verità è che non esiste una risposta assoluta, dipende.

Dipende soprattutto dal tipo di domanda che stai per soddisfare, quindi, cerchiamo di capirne di più e andiamo a fondo di quest risposta. Per farlo dobbiamo prima introdurre un concetto importante del marketing che a volte viene ignorato: il concetto di domanda consapevole e domanda latente.

Soddisfare una domanda piuttosto che un’altra influenza pesantemente lo strumento che dovresti usare per la tua analisi, quindi, cerchiamo di capire le differenze fra questi 2 tipi di domande.

Domanda consapevole

Si tratta di quella domanda che più facile da individuare e, dove è praticamente impossibile trovare “nicchie vergini”. Insomma riguarda tutti quei casi in cui il mercato chiede esplicitamente un prodotto.

I concessionari per esempio soddisfano una domanda consapevole perché le persone (almeno la maggior parte) entrano con la precisa intenzione di acquistare una macchina.

Le persone chiedono un’auto perché hanno bisogno di spostarsi e sono consapevoli si tratta di un ottimo modo per gli spostamenti di tutti i giorni. Quando parliamo di domanda consapevole la scelta diventa “quale marca o modello?”

Domanda Latente

Si tratta di quel tipo di prodotto o servizio di cui il mercato ha bisogno ma, di cui non ne è ancora consapevole.

Facciamo sempre l’esempio dell’automobile, non è sempre stata oggetto di una domanda consapevole. Infatti prima della sua invenzione le persone giravano a cavallo e in carrozza.

In quella situazione qual era la domanda consapevole? Carrozze più comode o cavalli più veloci ma sicuramente non l’automobile, e questo è stato stupendamente descritto da Henry Ford quando ha detto: “chiedi alle persone cosa vogliono e risponderanno carrozze più veloci”.

Hai ben chiara quindi la differenza fra domanda consapevole e domanda latente? Molto bene, allora cerchiamo di capire come possono influenzare la tua analisi di mercato.

Quale strumento usare per fare la tua analisi?

Sul web esistono un’infinità di strumenti (gratuiti e non) per analizzare il tuo mercato ma possono essere divisi in 2 categorie:

  1. Quelli adatti a chi soddisfa una domanda consapevole
  2. Quelli adatti a chi soddisfa una domanda latente

Facciamo l’esempio di Google e Facebook che sono 2 ottimi strumenti per l’analisi. Tramite Google puoi sapere quello che le persone cercano attivamente e quindi puoi analizzare soprattutto quali sono i bisogni consapevoli.

Su Facebook puoi analizzare le interazioni fra le persone e le loro discussioni. Questo ti permette innanzitutto di prendere in considerazione solo il gruppo di persone che ti interessa (ha un valore molto importante) e, poi, di capire che cosa dicono queste persone.

Questo ragionamento vale anche per tutti gli altri strumenti, per esempio le librerie online soddisfano un bisogno consapevole e quindi sono ottimi per analizzare la domanda consapevole del mercato.

Pensa ad un altro strumento, quale domanda ti permette di analizzare?

Ora puoi facilmente capire che gli strumenti da utilizzare dipendono dal tipo di domanda che devi analizzare, quindi, per riassumere potremmo dire che hai bisogno innanzitutto di capire quale domanda vuoi analizzare. Solo in un secondo momento sceglierai lo strumento più adatto per la tua situazione.

In ogni caso ricorda che analizzare il tuo mercato non significa andare su Google Planner e trovare le parole chiave più ricercate.

A presto
Alessio

P.S. Se questo articolo ti è stato utile condividilo sui tuoi social network preferiti, potrebbe aiutare anche i tuoi amici.

 

About The Author

Alessio Giampieri

Alla costante ricerca di nuove nicchie di mercato. La ricerca della strada più veloce e semplice per creare un business online è diventata la mia mission.

Leave A Response

* Denotes Required Field