errori cheerios

Non fare come Cheerios, gli errori possono costare cari

Lo so, ti stai chiedendo che cosa è successo a Cheerios, vero? Seguimi perché te lo spiego subito.

Visto il grande successo dei prodotti gluten-free l’azienda ha pensato bene di introdurre una sua linea di prodotti senza glutine.

Fino a qui non sembra essere successo nulla di grave ma, quando diverse persone hanno iniziato a sentirsi male è nato il problema e, si è scoperto che i cereali erano stati contaminati con frumento e avena.

Puoi immaginare le conseguenze per il brand che, senza volerlo, ha tradito la fiducia dei suoi clienti.

Ok Alessio ma che cosa centra tutto questo con il mio business online?

So benissimo che parliamo di un caso estremo e che non ti sogneresti mai di fare del male ai tuoi clienti ma, questa notizia dovrebbe insegnare a tutti i business online 2 importantissime lezioni.

1. Non tradire mai la tua nicchia

Cheerios ha tradito i suoi clienti dal punto di vista dell’esperienza (sul web si usa dire user experience) ma, molti business “tradiscono” la propria nicchia di mercato senza nemmeno rendersene conto.

Uno dei metodi più diffusi è sicuramente proporre alla tua community prodotti che non hanno nulla a che fare con il tuo posizionamento. Per esempio un consulente SEO che si è creato una certa reputazione nel suo settore e, inizia a proporre servizi di pay per click sta tradendo la sua nicchia.

Ovviamente nessuno gli farà mai causa per questa ragione ma, con il tempo gli utenti inizieranno a cancellarsi dalla sua newsletter, a non leggere più i suoi articoli, a non guardare i suoi video, insomma inizieranno ad allontanarsi da lui.

A me per esempio è capitata una proposta di partnership per proporre la creazione di applicazioni mobile a chi mi segue. Nonostante il servizio fosse ottimo e nonostante il mobile sia un settore in crescita, ho preferito rinunciare a questa partnership.

Sai perché ho rinunciato? Per il semplice fatto che tutte le mie attività sono incentrate su come farsi strada all’interno della propria nicchia di mercato.

Se avessi proposto un servizio simile avrei in un certo senso “tradito” le aspettative del mio pubblico (anche le tue).

Un altro modo molto diffuso per “tradire” la fiducia degli utenti, è di creare incoerenza all’interno del processo di acquisizione di un cliente.

Per esempio quante volte ti è capitato di cliccare su un annuncio Adwords e finire in una pagina con errore 404? A me è capitato proprio oggi.

Oppure quante volte dopo aver cliccato su un post di Facebook, che ha creato in te grandi aspettative, hai scoperto che la notizia non corrispondeva minimamente alle promessa del titolo? Immagino che hai perso il conto delle volte che ti è capitato.

Ecco questi sono tutti modi per non rispettare una promessa fatta agli utenti pochi secondi prima. Basta questo per creare danni al tuo business online, non serve far ammalare il tuo pubblico.

2. Sbaglia presto e sbaglia il più possibile

È praticamente impossibile non sbagliare mai, se però commetti degli errori quando il tuo business è ancora agli inizi allora è più facile correre ai ripari. Se invece hai una pagina fan con 100.000 fan fidelizzati, un account twitter con 30.000 follower e una newsletter di 25.000 utenti allora potrebbe esserti fatale.

Le notizie viaggiano veloci sui social e oggi gli errori possono avere conseguenze per molto tempo. Ecco perché dovresti fare ogni tipo di errore quando sei agli inizi.

Su questo concetto si basa proprio la teoria del lean marketing (a cui mi inspiro continuamente) che basa la filosofia sulla creazione di un prototipo sufficientemente buono da essere commercializzato.

Ho detto sufficientemente perché il prototipo deve richiedere meno risorse possibili, cosi che se ci sono errori strutturali non dovrai buttare via mesi (o anni) di lavoro.

Insomma Cheerios ha fatto un grave errore che probabilmente pagherà molto caro (non solo dal punto di vista legale) ma, se riesci a conquistare la fiducia della tua community e pensi a loro quando lancerai il tuo nuovo prodotto, allora sarà più difficile distruggere la tua impresa.

A presto
Alessio

P.S. Spero che questo articolo ti abbia aiutato nella creazione del tuo business online, se pensi che possa essere utile anche ai tuoi colleghi condividilo sui tuoi social network preferiti.

 

About The Author

Alessio Giampieri

Alla costante ricerca di nuove nicchie di mercato. La ricerca della strada più veloce e semplice per creare un business online è diventata la mia mission.

Leave A Response

* Denotes Required Field